Come scrivere un Curriculum Vitae per l’Australia

Senza Curriculum Vitae, o Resume come si chiama in Australia, non si va da nessuna parte. É quindi una buona idea imparare subito come scrivere un Curriculum Vitae e Cover Letter (Lettera di accompagnamento) vincente per fare una buona impressione, evidenziando esperienze e abilità in maniera chiara, pulita e diretta.

Come scrivere il Curriculum Vitae (Resume)

In Italia si è abituati a seguire il modello Europass, standard e uguale per tutti. In Australia sono, invece, apprezzati Curriculum Vitae che sappiano distinguersi per unicità e creatività.

Ecco per te 7 suggerimenti per un Curriculum Vitae efficace:

1. MANTIENILO BREVE E PULITO

Non più di 1 pagina di testo ben organizzata con spazi bianchi ben distribuiti che trasmettono subito l’idea di organizzazione e facilità di lettura. Usa un font di scrittura pulito ed una dimensione di carattere leggibile (12 standard è perfetto).

Recenti studi hanno dimostrato che vengono apprezzati font quali Arial – Calibri – Cambria – Georgia e Verdana, con una dimensione di 11-12 per il corpo di testo e 13-16 per i titoli.

Questo per una ragione molto semplice, grazie alla tecnologia moderna i molti selezionatori prima di leggere un Curriculum lo passano attraverso un software il quale cerca le parole chiave attinenti alla posizione per cui ti sei candidato e se il software non le trova o non le riesce a leggere – ecco l’importanza del tipo di font e carattere – il tuo Curriculum non passa al secondo stage, ovvero al selezionatore.

Scarica la Mini Guida sotto con i dettagli su come compilare al meglio ogni singola sezione. In aggiunta riceverai un template di CV – in formato Word – pronto all’uso.

2. PERSONALIZZAZIONE

Personalizza il Curriculum Vitae secondo il tipo di lavoro che stai cercando. Consulta qualche annuncio di lavoro sul web o meglio ancora su Seek.com.au – il sito per eccellenza per la ricerca di lavoro in Australia – per prendere spunto dell’esperienze e qualifiche ricercate.

È molto importante saper adattare e personalizzare il CV per il tipo di annuncio cui vuoi applicare ma ricordati di non mentire, un conto è sembrare qualificati un conto è essere sgamati quando messi alla prova. Ad esempio se si capisce che l’uso di un certo software è altamente necessario ma ne hai una conoscenza molto basilare, non vergognarti a scrivere che hai utilizzato il programma in precedenza in maniera superficiale ma che sei disponibile a corsi di formazione prima o dopo l’inizio del lavoro. Dimostri non solo di essere disponibile a migliorare le tue conoscenze ma anche intraprendente.

3. NON LASCIARE PERIODI VUOTI NELLA TUA CRONOLOGIA

Elenca in modo chiaro e conciso le tue precedenti esperienze lavorative in senso cronologico inverso, ovvero da quella più recente a quella più lontana nel tempo, dando sempre la prevalenza a quelle attinenti alla professione per la quale vuoi applicare.

Inoltre, nel caso in cui tu non abbia lavorato per 6 mesi o 1 anno perché hai preferito viaggiare il mondo, fare un’esperienza di volontariato o studiare, scrivilo nel Curriculum Vitae. Ti aiuterà a rendere la tua esperienza di vita più interessante anziché risultare di essere rimasto disoccupato troppo a lungo. E anche se hai avuto un periodo di vuoto, inventati qualcosa che possa attirare l’attenzione, esperienze di volontariato o backpacking in qualche paese estero fa sempre effetto.

 4. CATTURA L’ATTENZIONE

Utulizza un template che sappia mettere in evidenza le parole chiave più rilevanti per la tua professione rimanendo sintetico nei dettagli. Se oltre ad una descrizione riesci ad aggiungere dati che dimostrano obiettivi o profitti raggiunti aggiungerai un bonus al tuo Curriculum.

Tips: Metti in evidenza le tue abilità, attraverso un breve riassunto o elenco puntato delle tue abilità interpersonali (Soft Skills) o abilità lavorative apprese tramite precedenti esperienze lavorative o di studio (Hard Skills).

5. UTILIZZARE LE SEZIONI

Suddividere il Curriculum Vitae in sezioni facili da leggere e dettagliate, con parole chiave strategiche in grassetto.

Scarica la Mini Guida sotto con i dettagli su come compilare al meglio ogni singola sezione. In aggiunta riceverai un template di CV – in formato Word – pronto all’uso.

6. REFERENZE

Per gli australiani le referenze rappresentano una parte fondamentale della tua applicazione. Se qualcuno con cui hai lavorato o con cui sei entrato in contatto nel passato mantiene un ricordo positivo di te, delle tue abilità e onestà, questo sarà ritenuto ben più importante di una limitata esperienza lavorativa. Un lavoro si può sempre imparare, l’umiltà e la dedizione fanno parte del carattere.

Tips: Non divulgare i contatti delle tue referenze immediatamente nel Curriculum Vitae, scegli almeno 3 persone legate a 3 differenti posizioni lavorative incluse nel Curriculum Vitae ed indica “Reference available upon request”.

È preferibile avere almeno un referente australiano, non preoccuparti se sei nuovo in città e probabilmente non conosci ancora un cittadino australiano. Suggerimento: chiedi a un amico che vive in Australia da un pò di tempo; un insegnante della tua scuola; il tuo padrone di casa di farti da referente. Nel caso tu abbia un referente italiano, una buona idea sarebbe farti fare due righe scritte, firmate e tradotte in inglese da presentare in caso di bisogno. Un datore di lavoro non si prenderà mai la briga di chiamare in Italia per controllare, ma non vogliamo che tu possa perdere l’opportunità di fare bella figura.

7. ASSICURATI CHE L’INGLESE SIA CORRETTO

Il 91% dei Curriculum viene scartato dopo meno di 5 secondi a causa di errori grammaticali presenti nel testo.

Una volta che hai scritto il tuo Curriculum Vitae leggilo, rileggilo e meglio ancora fai leggere ad una terza persona, meglio se madre lingua inglese. E se non puoi passa il testo su Grammarly (un programma online GRATIS), in pochi secondi avrai un controllo del tuo inglese e suggerimenti utili per rendere il testo non solo grammaticalmente corretto ma anche piu’ facile da leggere.

Io ho installato la Chrome Extension di Grammarly e la uso in qualsiasi sito Internet, foglio Word, email, etc. in cui sto scrivendo, in quanto direttamente mentre scrivo Grammarly mi avvisa di qualsiasi errore di ortografia, lessico o grammatica. Non solo mi permette di risultare più professionale ma è inoltre un ottimo strumento per migliorare quotidianamente il mio livello d’inglese, imparando dai miei stessi errori.


Looking for Something?